“Non ti crucciare, don Camillo”

Originally posted on leggoerifletto

da: “Filosofia campestre nel Mondo Piccolo” . Giovannino Guareschi

“Non ti crucciare, don Camillo” sussurrò il Cristo.

“Lo so che il vedere uomini che lasciano deperire la grazia di Dio è per te peccato mortale perché sai che sono sceso da cavallo per raccogliere una briciola di pane. 
Ma bisogna perdonarli perché non lo fanno per offendere Dio.

Essi cercano affannosamente la giustizia in terra perché non hanno più fede nella giustizia divina, e ricercano affannosamente i beni della terra perché non hanno fede nella ricompensa divina. 
E perciò credono soltanto a quello che si tocca e si vede, e le macchine volanti sono per essi gli angeli infernali di questo inferno terrestre che essi tentano invano di trasformare in Paradiso.

Così è la troppa cultura che porta all’ignoranza, perché se la cultura non è sorretta dalla fede ad un certo punto l’uomo vede soltanto la matematica delle cose e l’armonia di questa matematica diventa il suo dio, dimenticando che è Dio che ha creato questa matematica e questa armonia. Ma il tuo Dio non è fatto di numeri, don Camillo, e nel cielo del tuo paradiso volano gli angeli del bene. 

Il progresso fa diventare sempre più piccolo il mondo per gli uomini: un giorno quando le macchine correranno a cento miglia al minuto, il mondo sembrerà agli uomini microscopico, e allora l’uomo si troverà come un passero sul pomolo di un altissimo pennone e si affaccerà sull’infinito e nell’infinito ritroverà Dio e la fede nella vera vita. e odierà le macchine che hanno ridotto il mondo ad una manciata di numeri e le distruggerà con le sue stesse mani. Ma ci vorrà del tempo ancora, don Camillo.”
Il Cristo sorrise e don Camillo lo ringraziò di averlo messo al mondo! »

– Giovannino Guareschi –

da: “Filosofia campestre nel Mondo Piccolo”, 1980, ed. Rizzoli

Parole che ogni sacerdote dovrebbe pronunciare: “Ho pregato bene, stamane, per la mia parrocchia, la mia povera parrocchia la mia prima ed ultima parrocchia, forse; poiché m’augurerei di morirvi. 
– La mia parrocchia! Una frase, questa, che non si può pronunciare senza emozione – che dico! – senza uno slancio d’amore. 
E, tuttavia, questa frase richiama in me solo una confusa idea. So che la mia parrocchia esiste realmente, che siamo l’un dell’altra per l’eternità, che è una cellula vivente della Chiesa imperitura e non una finzione amministrativa” 

– Georges Bernanos –

da: Diario di un curato di campagna

– Gesù: Toh, guarda chi si rivede: Don Camillo! Be’, hai perso la favella?
– Don Camillo: Signore, quante volte vi ho chiamato in questi tre anni e mai mi avete risposto, mentre ora, ecco di nuovo la vostra voce. Dio è più vicino qui che a Roma.
– Gesù: Don Camillo, Dio è sempre alla stessa quota, qui ti pare più vicino perché qui sei più vicino a te stesso.

– Giovanni Guareschi –

“Siamo d’accordo, figliolo – disse con dolcezza don Camillo – Il guaio è che l’amnistia per le coscienze non l’hanno fatta. 

Quindi qui si continua ancora col sistema di prima, e per essere assolti occorre pentirsi e poi dimostrare di essere pentiti e poi fare in modo di meritare di essere perdonati. Roba lunga.”

Buona giornata a tutti. 🙂

www.leggoerifletto.it

leggoerifletto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...