Il più bello dei nostri figli non è ancora cresciuto. Il più belli dei nostri giorni non li abbiamo ancora vissuti…

“il più bello dei mari” di Nazim Hikmet
https://girobloggando.blogspot.it/

noncerosasenzaspine

blogger-imageTramonto sul lago. Bardolino By GiuliMatti

il più bello dei mari…

Il più bello dei mari
è quello che non navigammo.
Il più bello dei nostri figli
non è ancora cresciuto.
Il più belli dei nostri giorni
non li abbiamo ancora vissuti.
E quello
che vorrei dirti di più bello
non te l’ho ancora detto.

Nazim/hikmet mari

“il più bello dei mari” di Nazim Hikmet

“Emmanuel” di Michel Colombier Alla Chitarra Antonio Onorato……
….E quello che vorrei dirti di più bello , non te l’ho ancora detto….

Nazim Hikmet Poeta( Salonicco, 20 novembre 1901 — Mosca, 3 giugno 1963 )
” Emmanuel” Musiche di Michel Colombier – alla chitarra Antonio Onorato

189fb-tramonrosulmare

View original post

Non possiamo certamente prometterci di avere gli stessi sentimenti per tutta la vita. Ma possiamo certamente avere un progetto comune stabile, impegnarci ad amarci e a vivere uniti finché la morte non ci separi, e vivere sempre una ricca intimità.

Il prolungarsi della vita fa sì che si verifichi qualcosa che non era comune in altri tempi: la relazione intima e la reciproca appartenenza devono conservarsi per quattro, cinque o sei decenni e questo comporta la necessità di ritornar a scegliersi a più riprese …
#PANEQUOTIDIANO
https://antoniobortoloso.blogspot.it/2017/06/panequotidiano-chiunque-guarda-una.html

My Blog LeggiAmo La Bibbia

CENTOSESSANTATRE DI TRECENTOVENTICINQUE

ultima sosta della Via della Resurrezione
 La croce che preferisco, quella di Romena:
 “Non un crocifisso ma il vuoto, il risorto, l’infinito.
 Unica eredità:
l’oro nelle ferite”

La gioia dell’amore  

La trasformazione dell’amore

163. Il prolungarsi della vita fa sì che si verifichi qualcosa che non era comune in altri tempi: la relazione intima e la reciproca appartenenza devono conservarsi per quattro, cinque o sei decenni, e questo comporta la necessità di ritornare a scegliersi a più riprese. Forse il coniuge non è più attratto da un desiderio sessuale intenso che lo muova verso l’altra persona, però sente il piacere di appartenerle e che essa gli appartenga, di sapere che non è solo, di aver un “complice” che conosce tutto della sua vita e della sua storia e che condivide tutto. È il compagno nel cammino della vita con cui si possono affrontare…

View original post 989 altre parole

Voi siete la luce del mondo…

My Blog LeggiAmo La Bibbia

Sant’Antonio di Padova

 
LA LITURGIA DEL GIORNO
www.lachiesa.it/liturgia
VANGELO (Mt 5,13-16) 
Voi siete la luce del mondo. 
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: 

«Voi siete il sale della terra; ma se il sale perde il sapore, con che cosa lo si renderà salato? A null’altro serve che ad essere gettato via e calpestato dalla gente.
Voi siete la luce del mondo; non può restare nascosta una città che sta sopra un monte, né si accende una lampada per metterla sotto il moggio, ma sul candelabro, e così fa luce a tutti quelli che sono nella casa. Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli».

Parola del Signore
Commento

È un grande privilegio per un Apostolo del Signore poter applicare a sé il magnifico testo di Isaia che…

View original post 1.125 altre parole

Non importa che cosa dobbiamo fare: tenere in mano una scopa o una penna stilografica. Parlare o tacere, rammendare o fare una conferenza, curare un malato o battere a macchina. Tutto ciò non è che la scorza della realtà splendida, l’incontro dell’anima con Dio rinnovata ad ogni minuto, che ad ogni minuto si accresce in grazia, sempre più bella per il suo Dio.

« Dio resterà morto per tutti quelli che ci sono accanto?
Che sanno che noi gli abbiamo dato la nostra vita
e che lo diciamo e che non ne siamo pentiti;
non sorgerà un “dubbio” su questa morte?».
leggiamolabibbia.blogspot.it

My Blog LeggiAmo La Bibbia

Una visione diversa, una prospettiva nuova. Quando sono a casa da mamma ho un tramonto da regalarmi, e qualche minuto me lo faccio rubare sempre dall’arrivederci del sole. Poco dopo raggiungo l’altro terrazzo e mi trovo di fronte l’alba. Come a darsi il cambio, come una staffetta di luce e di meraviglia. La luna sorge, piena, bella, proprio dalla parte opposta in cui il suo amico sole se né andato. Meraviglia! Due incanti, uno dopo l’altro, quasi da non dormirci per la bellezza.Le coccole non sono mai abbastanza. I miei gatti lo sanno bene, e anche mamma sta imparando. Sono arrivato a casa da lei ieri, giusto per qualche bacio e una notte in compagnia. E’ da poco tornata dall’ospedale e serve una presenza, semplice, rassicurante. La ripresa è lenta, l’intervento è stato ‘importante’ dicono i medici, ‘mi sento un po’ tutta delicata’ dice lei.La tenerezza abita i suoi movimenti…

View original post 188 altre parole

Un altro Noè

Il poeta è un altro Noè Passa la vita a costruire un’arca di parole che riempie di metafore e nuvole. Un altro Noè Il poeta è un altro Noè Passa la vita a costruire un’arca di parole che riempie di metafore e nuvole. SINAN ANTOON Una notte in tutte le città Pubblicato da DR lunarioaforismi.blogspot.it

“Non aspettare che ci sia sereno   o cada una tiepida pioggia  o l’orchestra dei fiori incominci a suonare  o i già muti pesci tacciano ancor di più.  Fa’ che ti basti che cominci il giorno  e che sia fatto chiaro come pagina bianca  voltata dopo la nera.  Allora tieni la faccia più alta che si può e tenta  perché tentar non nuoce.”

Tentar non nuoce 🙂

My Blog LeggiAmo La Bibbia

Tentar non nuoce!

“Non aspettare che ci sia sereno 
 o cada una tiepida pioggia
 o l’orchestra dei fiori incominci a suonare
 o i già muti pesci tacciano ancor di più.
 Fa’ che ti basti che cominci il giorno
 e che sia fatto chiaro come pagina bianca
 voltata dopo la nera.
 Allora tieni la faccia più alta che si può e tenta
 perché tentar non nuoce.”
 
Ho bisogno, alcune mattine, di parole buone, quasi da masticare, come queste di Pablo Neruda. Sono solo parole, ma hanno in se l’energia dello spirito, e hanno il potere di entrare dentro e toccare, e toccarmi, e incoraggiarmi.
A volte ho la presunzione che la vita sia in debito con me, che mi debba dare o fare qualcosa, mentre dovrei averne solo una di pretesa, quella di dire grazie ad ogni risveglio, quella di abbracciare il nuovo giorno e stringerlo al cuore e convincermi…

View original post 44 altre parole