Scelgo un blocco di marmo e tolgo tutto quello che non mi serve.

Una delle tre versioni che si trovano a Parigi della statua di Balzac creata da Rodin (AP Photo/Francois Mori)

Francesca Mannocchi fa la giornalista, la scrittrice e l’autrice di documentari, scrive soprattutto per l’Espresso ed è esperta in particolare dei paesi del Nordafrica e del Medio Oriente. Nel 2021 ha pubblicato Bianco è il colore del danno(Einaudi)

Il suo Balzac

«Rompere l’involucro che la nasconde. Penso spesso a queste parole quando cerco di riassumere la maniera, il metodo di Rodin, e applicarlo a quello che vedo intorno a me. Chiedermi come rappresentarlo, come scriverlo»

È una notte del 1908, due uomini bevono vino in una casa di campagna a Meudon, sudovest di Parigi.
Uno è un giovane fotografo, Edward Steichen, l’altro uno scultore, Auguste Rodin.
La luna piena illumina la campagna, Steichen mostra una fotografia a Rodin. Vi è ritratta una statua, è un uomo nella forma di un monolite, a illuminarlo solo la luna.
Rodin si commuove, piange e dice a Steichen: «È Cristo che cammina nel deserto. Queste immagini faranno capire al mondo il mio Balzac».
Non Balzac, il suo Balzac...

«Il fissarsi delle immagini rende le cose morte», disse Rodin.
Lui invece le voleva attive e energiche. Vive.
Come le mani de La Cathédrale, come i corpi desideranti di Paolo e Francesca nel Bacio. Come la curva delle spalle del Pensatore.
Rodin, prima richiesto poi rifiutato, porta la statua di gesso a casa sua: «è la mia visione, lo sviluppo logico della mia vita e me ne assumo la responsabilità. Ne resterò il solo possessore».
Non vedrà il gesso – rifiutato – diventare bronzo. Il Monumento a Balzac fu fuso in bronzo solo nel 1939, ben dopo la sua morte.

Ho detto un giorno a Rodin: «Si direbbe che voi sappiate che nel blocco c’è una figura, e che vi limitiate a rompere tutto intorno l’involucro che la nasconde». Mi ha risposto che era esattamente questa la sua impressione mentre lavorava.
(Camille Mauclair)

www.ilpost.it/2021/05/18/mannocchi-rodin-balzac/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...