Anniversario – “Eccuce ccà, so’ nnato ‘o mille..”

Faccio una breve ricerca sulle origini del compleanno, che rende memorabile l’anniversario di ognuno. Pare che dipenda dall’antica tradizione dell’oroscopo che necessita del giorno e dell’ora di nascita. Una volta era riservato ai re, poi si è diffuso. Nei paraggi del mio compleanno, rimugino pensieri.

Di quell’ora nessuno esiste più.
Aiutarono lei sfinita dagli sforzi di espulsione. Tagliarono il cordone e mi fissarono un nodo all’ombelico. Mi lavarono dalla placenta e dal sangue.
Di quell’ora febbrile nessuno è rimasto. Sono il solo a sapere che nacqui.
Dopo la morte di mamma questo vago pensiero si presenta in ogni compleanno.
Nell’occasione ricordo di essere stato bambino. L’infanzia è una giostra che non smette di girare e porta un solo passeggero.
Mamma chiedeva il giorno prima cosa preferivo mangiare. Era un pasticcino con la crema e le fragole sopra.
Buffo sentirsi importante per un giorno, apparenza di lieta presa in giro. Si era creditori, si riscuoteva un regalo.

Una poesia in napoletano di Rocco Galdieri consiste in un breve dialogo tra un vecchio e uno che gli chiede l’età. Allora lui si mette a far dei conti:
“Eccuce ccà, so’ nnato ‘o mille..”
— Leggi su fondazionerrideluca.com/web/anniversario/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...