La stanza della preghiera.


TAMEION

       Il vocabolo greco taméion che da nome a questa rubrica indica innanzitutto una parte della casa adibita a magazzino o a ripostiglio. Quando, per esempio, Gesù dice di imparare dagli uccelli che – pur senza mietere e senza avere granaio o ripostiglio – sono nutriti da Dio (Lc 12,24), usa questo termine. Taméion indica, tuttavia, anche la stanza più interna, più riservata e, quindi, più segreta. Come nel caso in cui Gesù afferma che perfino le cose bisbigliate all’orecchio e nelle “stanze più remote” saranno rese note a tutti e proclamate sui tetti (Lc 12,3). 

        In un caso e nell’altro, taméion è, dunque, una stanza dove non si conduce nessun estraneo. E Gesù rimanda ad un posto come questo quando, in un’altra occasione, istruendo i discepoli sulla preghiera li ammonisce a non farla per darsi delle arie. Non si prega, sembra voler dire Gesù, per apparire buoni, ma per diventarlo, cercando il tu per tu col Padre. “Quando pregate – dice loro – non siate come gli ipocriti. Infatti essi amano stare in piedi nelle sinagoghe e agli angoli delle strade e pregano per farsi vedere dalla gente. […] Quando tu vuoi pregare, va’ nel tuo taméion e, chiusa la porta, prega il Padre tuo nel segreto e il Padre tuo che vede nel segreto, ti ascolterà” (Mt 6,5-6).

        Chi lo ha capito meglio di tutti è santa Teresa d’Avila che – non per nulla – è riconosciuta da tutti come la più grande maestra di preghiera. “Per me – scrive, infatti, Teresa – la preghiera non è altro se non un rapporto di amicizia, un trovarsi frequentemente da soli a soli con chi sappiamo che ci ama” (Vita, 8,5). 

        E si capisce, allora, che il taméion è la stanza segreta ed esclusiva del cuore o del castello interiore, “quella nella quale si svolgono le cose di maggiore segretezza tra Dio e l’anima” (Mansioni I,1,3).  

  DEBARIM
Fonte: http://www.debarim.it/tameion.htm
Luogo della preghiera…

Stanza interna (interiore)

Cameretta , cantina , Luogo…

“Tameion” dove venivano conservate le vivande


www.romena.it

Ma tu, quando preghi, entra nella tua cameretta, chiudi la tua porta e prega il Padre tuo nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà pubblicamente
La parola greca usata per cameretta è tameion, che si riferisce a un ripostiglio o a una dispensa, una stanza interna o segreta. L’immagine usata da Gesù implica l’essere da soli con Dio. Non è riportato da nessuna parte che Gesù abbia pregato in un ripostiglio, ma leggiamo che dedicava spesso tempo alla preghiera da solo con suo Padre.6 Naturalmente abbiamo descrizioni di Gesù che pregava pubblicamente7 e anche i suoi discepoli lo fecero nel libro degli Atti, 8 il che dimostra che non era tanto la preghiera pubblica che Gesù condannava, quanto il motivo sbagliato per pregare, quello di cercare gloria o attenzione per se stessi.
Quelli che pregano per farsi notare in pubblico ricevono il premio che hanno cercato. A quelli che entrano in comunione con Dio, che cercano diligentemente il suo volto9 ed entrano alla sua presenza in preghiera per i motivi giusti, viene promesso un premio da Dio, che vede e ascolta la loro preghiera segreta.

>>> 


https://directors.tfionline.com/it/post/gesu-vita-messaggio-sermone-motivazione2/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...