ungranellodisale.blogspot.it

La forma di ogni virtù

 martedì 4 aprile 2017

«Abbiamo fatto gli uomini orgogliosi di molti vizi, ma non della viltà. Ogni volta che eravamo quasi riusciti, il Nemico permetteva una guerra o un terremoto o qualche altra calamità, e d’un tratto il coraggio diventa amabile e importante, con tanta naturalezza, perfino all’occhio umano, che tutto il nostro lavoro è come non fatto, e c’è ancora almeno un vizio del quale sentono una sincera vergogna. Il pericolo di trascinare alla viltà i nostri pazienti, perciò, è che si potrebbe produrre una vera conoscenza e una vera nausea di sé, con pentimento e umiltà come conseguenza. E infatti, nell’ultima guerra, migliaia di esseri umani, avendo scoperto la loro viltà, scoprirono per la prima volta tutt’intorno il mondo morale. […]

Qui ci si presenta un dilemma crudele. Se promovessimo la giustizia e la carità fra gli uomini faremmo direttamente il vantaggio del Nemico; ma se li guidiamo a comportarsi all’opposto, ciò produrrà, presto o tardi, (poiché Egli permette che lo produca) una guerra o una rivoluzione, e il problema inevitabile della viltà e del coraggio sveglierà migliaia di uomini dall’abulia morale.

Egli vede, con la stessa chiarezza con la quale vedi tu, che il coraggio non è semplicemente una delle virtù, ma la forma di ogni virtù quando giunge alla prova, vale a dire nel punto della più alta realtà. Una castità, o una onestà, o una pietà che cede di fronte al pericolo sarà casta oppure onesta oppure misericordiosa soltanto a certe condizioni. Pilato fu misericordioso finché non divenne rischioso. La guerra per molti sarà pietra d’inciampo, ma per i più sarà farmaco salutare per recuperare la salute».
da ungranellodisale.blogspot.it

Le lettere di Berlicche 
(titolo originale The Screwtape Letters), pubblicato a Londra nel 1942 dallo scrittore Clive Staples Lewis

ma originariamente apparso sulle pagine del quotidiano The Guardian

(EN)
« There are two equal and opposite errors into which our race can fall about the devils. One is to disbelieve in their existence. The other is to believe, and to feel an excessive and unhealthy interest in them. They themselves are equally pleased by both errors and hail a materialist or a magician with the same delight. »
(IT)
« Vi sono due errori, uguali e opposti, nei quali la nostra razza può cadere nei riguardi dei Diavoli. Uno è quello di non credere alla loro esistenza. L’altro, di credervi, e di sentire per essi un interesse eccessivo e non sano. I Diavoli sono contenti d’ambedue gli errori e salutano con la stessa gioia il materialista e il mago. »
(C.S. Lewis, Premessa a Le lettere di Berlicche, pag. 3.)


 C.S. Lewis – Le lettere di Berlicche

CSLewis
C.S. LewisClive Staples Lewis
     (Belfast 1889 – 1963) insegnò a lungo Letteratura inglese medievale all’Università di Oxford e fu grande amico di J.R. Tolkien, con il quale fondò il gruppo degli Inklings. Autore di importanti testi di argomento letterario e religioso, fu anche scrittore prolifico e popolarissimo (le sue opere più note sono Lontano dal pianeta silenzioso, la trilogia fantascientifica Perelandra e Le lettere di Berlicche). Per i ragazzi scrisse sette romanzi ambientati nel mondo fantastico di Narnia, che hanno avuto un immediato successo in tutto il mondo. Dal volume Le Cronache di Narnia. Il leone, la strega e l’armadio è stato tratto un film largamente apprezzato nel 2005.

C.S. Lewis – Le lettere di Berlicche

http://www.segnideitempi.org/libri/ebook/

Nel libro sono dunque raccolte le lettere che Berlicche invia, in tempi diversi, al nipote Malacoda.

 Lo zio offre al nipote una serie di ricchi consigli per dannare le anime degli uomini, soprattutto nei riguardi dei giovani, data l’età dell’anima affidata a Malacoda. Il Nemico (Dio) e suo figlio (Cristo) intervengono prontamente in ogni azione di Malacoda e dunque lo zio è costretto a dilungarsi più volte in tanti temi tipicamente legati allo spirito giovanile, come l’amicizia, l’amore, l’orgoglio, il legame con i genitori, la sessualità, la gola; in ciò Lewis utilizza uno stile assai vario, ma sempre incisivo, affrontando con una teologia ad un tempo benevola ed esigente tutte le tematiche sopra citate.C. S. Lewis (Belfast29 novembre 1898 – Oxford22 novembre 1963), è stato uno scrittore e filologo britannico.Fu docente di lingua e letteratura inglese all’Università di Oxford, dove divenne amico di J. R. R. Tolkien col quale – insieme anche a Charles Williams ed altri – fondò il circolo informale di discussione letteraria degli Inklings.È noto al grande pubblico soprattutto come autore del ciclo di romanzi Le cronache di Narnia.

LeLetterediBerliche

JACA BOOK –  LE LETTERE DI BERLICCHE IL BRINDISI DI BERLICCHE

IN UN’OPERA GENIALE, LE LETTERE DI BERLICCHE, C. S. LEWIS INVENTA L’ESPEDIENTE DI UN COLLOQUIO EPISTOLARE TRA DEMONI, LO ZIO BERLICCHE E IL NIPOTE MALACODA. OLTRE CHE APPREZZABILE PER ARGUZIA E IRONIA, L’OPERA APPARE COME UN’UTILISSIMA PALESTRA PER ALLENARSI A RICONOSCERE LA TENTAZIONE. NELLA QUOTIDIANITÀ FACCIAMO COSTANTEMENTE ESPERIENZA DI COME SPESSO CI SI PRESENTINO SCELTE NON BUONE E MALIZIOSE SOTTO L’APPARENZA DEL BENE E DELL’INNOCENZA. IL MALE CHE SI NASCONDE SOTTO LE PARVENZE DEL BENE SI CHIAMA TENTAZIONE. NEL «PADRE NOSTRO» NOI CHIEDIAMO A DIO DI TENERCI LONTANO DALLA TENTAZIONE OVVERO DI FARCELA RICONOSCERE COME TALE E, QUINDI, DI TOGLIERE LA PATINA MENDACE CHE RICOPRE IL MALE E CI IMPEDISCE DI RICONOSCERLO COME TALE. L’AUTORE EVIDENZIA GIÀ FIN DALL’INIZIO CHE «VI SONO DUE ERRORI, UGUALI E OPPOSTI, NEI QUALI LA NOSTRA RAZZA PUÒ CADERE NEI RIGUARDI DEI DIAVOLI. UNO È IL NON CREDERE ALLA LORO ESISTENZA. L’ALTRO DI CREDERVI E DI SENTIRE PER ESSI UN INTERESSE ECCESSIVO E NON SANO. I DIAVOLI SONO CONTENTI D’AMBEDUE GLI ERRORI E SALUTANO CON LA STESSA GIOIA IL MATERIALISTA E IL MAGO»..
Percorrendo le pagine in cui lo zio tenta di educare il nipote a traviare gli umani, scopriamo come denigrare la dimensione allegra della vita e il riso sia una modalità del diavolo di allontanarci dal gusto di vivere. Anche trascurare i piaceri veri, quelli che davvero hanno a che fare con la nostra persona in nome dei piaceri che vanno più di moda, è un espediente adottato dal diavolo perché l’uomo non vada verso Dio, dal momento che l’uomo è portato verso Dio proprio dalle sue vere passioni e dai suoi talenti. Scrive lo zio diavolo Berlicche al nipote Malacoda: «Come non sei riuscito a capire che un piacere vero era l’ultima cosa che avresti dovuto lasciargli incontrare? Come non hai previsto che avrebbe proprio annientato tutto l’inganno che tanto laboriosamente gli hai insegnato a valutare? E che quel genere di piacere che il libro e la passeggiata gli davano era il più pericoloso di tutti? Che gli avrebbe tolto tutta quella specie di crosta che eri riuscito a formargli sulla sua sensibilità, e fatto sentire che stava tornando a casa, che stava guarendo?».Quest’uomo, che è chiamato dal diavolo con l’espressione «verme» o «piccolo bruto», non deve pensare a se stesso, deve essere distratto da ciò che ha più a cuore, dai suoi interessi in una sorta di divertissement o distrazione che lo allontana da sé, dalla realtà e da Dio. Malgrado i suggerimenti dell’esperto zio, il paziente di Malacoda diverrà cristiano. Anche allora lo si può tentare utilmente facendogli pensare di avere la grazia per sempre e che essa non vada, invece, chiesta giorno per giorno, istante per istante, facendogli desiderare un’umiltà intesa non come dipendenza da Dio e dal Mistero, bensì come sottovalutazione e disprezzo dei propri talenti e delle proprie capacità. Malacoda sarà di volta in volta spronato dallo zio a tentare il paziente con il desiderio di vivere nella prospettiva del futuro, slegato dal presente e dall’eternità, con la dimenticanza della propria precarietà e della propria miseria. Scrive Berlicche: «Gli esseri umani vivono nel tempo, ma il nostro Nemico (Dio) li destina all’eternità. Perciò, credo, Egli desidera che essi si occupino principalmente di due cose: della eternità stessa, e di quel punto del tempo che essi chiamano il presente. Il presente è infatti il punto nel quale il tempo tocca l’eternità. Del momento presente, e soltanto di esso, gli esseri umani hanno un’esperienza analoga all’esperienza che il nostro nemico ha della realtà intera; soltanto in esso viene loro offerta la libertà e la realtà».A questo punto si potrà tentare il nuovo convertito inducendolo a non voler essere «unicamente cristiano», ma a perseguire «il cristianesimo e la crisi, il cristianesimo e la nuova psicologia, il cristianesimo e l’ordine nuovo, il cristianesimo e la ricerca psichica, il cristianesimo e il vegetarianesimo». Al proposito lo zio scrive ancora a Malacoda: «Se devono essere cristiani siano almeno cristiani con una differenza. Sostituisci alla fede qualche moda con una tinta cristiana». Questa è una riduzione del cristianesimo che lo stempera e al contempo ne annienta la potente forza rivoluzionaria in nome delle buone, accettabili e comprensibili mode del momento. Nell’ottica mondana e nella prospettiva dei due demoni del romanzo ciò che è incomprensibile è che si possa seguire un Altro per guadagnare completamente se stessi, che si possa davvero amare un altro in maniera disinteressata (ci deve pur essere un secondo fine nell’amore di Dio, nel cosiddetto amore disinteressato). Lasciamo al lettore il piacere di leggere quest’utile «manuale tascabile per riconoscere il pensiero del mondo e la tentazione» e di scoprire quale sarà la fine del paziente dell’inesperto diavolo Malacoda.Diavoli & C. «manuale per riconoscere il pensiero del mondo e la tentazione»

LeggiAmounLibro.blogspot.it

Blog – CHIUSO  berliccheemalacoda.blogspot.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...