Siamo magneti viventi. Attiriamo esperienze persone e situazioni, secondo le vibrazioni che emaniamo.

Anziché pensare a come ricevere amore, inizia a darlo. Se lo dai, lo riceverai. Non esiste altra via.

 

Risultati immagini per Siamo magneti viventi. Attiriamo esperienze persone e situazioni, secondo le vibrazioni che emaniamo.
Legge dell’Attrazione immagine crescereleggendo.wordpress.com

leggoerifletto:

La gelosia, l’espediente sociale per dividere e governare – Osho

Che cos’è l’invidia?

La nostra invidia dimostra che siamo molto lontani dalla solitudine?

La società ha strumentalizzato l’individuo in così tanti modi che è praticamente impossibile averne un’idea. Ha creato artifici così ingegnosi e sottili che è praticamente impossibile riconoscere che si tratta di artifici tesi a manipolare l’individuo, a distruggere la sua integrità, con l’intento di privarlo di tutto ciò che possiede, senza destare in lui alcun sospetto né alcun dubbio su ciò che gli si sta facendo.

L’invidia è uno di questi incredibilmente potenti artifici.

Sin dalla prima infanzia tutte le società, tutte le culture, tutte le religioni insegnano a tutti il confronto. E il bambino è costretto a impararlo. Il bambino è una tabula rasa, un foglio bianco senza alcuna scritta; quindi, qualsiasi cosa i genitori, gli insegnanti, i preti scrivano su di lui, lui inizia a credere che quello sia il suo destino, la sua sorte.

L’uomo viene al mondo con tutte le porte aperte, tutte le direzioni disponibili; ha tutte le dimensioni possibili tra cui scegliere.

Ma prima che possa scegliere, prima che possa essere, prima che possa anche solo percepire il suo essere, viene devastato.

L’invidia è uno dei più grandi artifici.

Guardala a fondo: che cosa significa?

Invidia significa vivere nel confronto.

Qualcuno è più in alto di te, qualcuno è più in basso di te.

Tu sei sempre da qualche parte a metà della scala. Forse la scala è un cerchio, poiché nessuno riesce a trovarne la fine. Tutti sono bloccati da qualche parte nel mezzo, tutti sono nel mezzo: la scala sembra una ruota.

Qualcuno è sopra di te, e la cosa ferisce. Questo ti porta a lottare, a combattere, ad agire con qualsiasi mezzo; infatti, se hai successo a nessuno interessa se lo hai avuto correttamente o scorrettamente.

Il successo dimostra che hai ragione; il fallimento dimostra che hai torto.

Tutto quello che conta è il successo, quindi qualsiasi mezzo va bene.

Il fine giustifica i mezzi! Pertanto, non devi preoccuparti dei mezzi, e nessuno se ne preoccupa.

Il punto è come salire più in alto sulla scala. Ma non arrivi mai in cima. E chi si trova sopra di te crea invidia in te, perché lui ha avuto successo e tu hai fallito.

Si potrebbe pensare di trascorrere la vita passando da un gradino all’altro, per poi trovare sempre qualcuno un gradino più in alto.

Non puoi semplicemente saltare giù dalla scala? No, non puoi. La società è molto astuta, molto furba.

Ha perfezionato, ha raffinato i suoi metodi in migliaia di anni.

Come mai non riesci a uscire da quel cerchio?

Perché qualcuno è più in basso di te, e questo ti dà un’enorme soddisfazione.

Naturalmente, se vai avanti così, invidioso e competitivo verso tutti intorno a te, come puoi arrivare a te stesso? Il mondo è troppo grande, e ci sono molte persone e tu sei in competizione con tutti… e tu lo sei!

Qualcuno ha un bel viso, qualcuno ha bei capelli, qualcuno ha un corpo bello e proporzionato, qualcuno ha un grande intelletto, qualcuno è un pittore, qualcuno è un poeta…

Come puoi farcela? Tutto questo… e tu da solo a competere?

Diventerai soltanto matto e questo è ciò che l’intera umanità ha fatto.

Abbandona la competizione, abbandona l’invidia. È assolutamente inutile.

È davvero un artificio molto astuto creato in modo che tu non possa mai essere te stesso, perché questa è la sola cosa che tutte le vecchie religioni temono.

Se tu sei te stesso hai trovato soddisfazione, appagamento, estasi.

– Osho – 



Quando sei solo, non è che sei solo, è che ti senti isolato – ed esiste un’incredibile differenza tra l’essere soli e il sentirsi isolati.

Quando ti senti isolato, pensi all’altro, ne senti la mancanza: si tratta di una condizione negativa.
Hai la sensazione che le cose andrebbero meglio, se l’altro fosse presente – un amico, la moglie, la madre, la persona amata, il marito.
Sarebbe meglio se l’altro fosse presente, ma l’altro non c’è.
Sentirsi isolati è frutto dell’assenza dell’altro.
La solitudine è la presenza di se stessi: è un fenomeno estremamente positivo.
È una presenza, una presenza che straripa.
Sei così carico di presenza che puoi colmarne l’intero universo, e quindi non hai bisogno di nessuno.

– Osho Rajneesh –
La disciplina della trascendenza




Anziché pensare a come ricevere amore, inizia a darlo.
Se lo dai, lo riceverai.
Non esiste altra via.

– Osho Rajneesh –
Innamorarsi dell’amore



Buona giornata a tutti. 🙂

www.leggoerifletto.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...