“L’acqua , il cielo, le stelle e l’arcobaleno. Se hai smarrito ogni senso, esci all’aperto: il giudizio sarà più sereno.”

albero

Haiku (43.2016)

Abbracciandomi
tra terra e cielo.
Colgo e dono.

By chiediloamanu

 

Aprile 2016 Sottomarina (Ve)

   By GiuM@

florentiadomus.tumblr.com

>>>            florentiadomus.tumblr.com

Padre Metodio e gli amici – Padre Andrea Panont

Un giorno Padre Metodio, ricevette dai suoi Su­periori l’ordine di partire dal suo convento e di tra­sferirsi in un altro, in una città lontana, molto lontana.

Il Religioso che voleva vivere bene quel vange­lo che aveva tanto studiato e predicato, illuminò subito la sua obbedienza, ricordando quanto Gesù aveva detto ai “superiori”: “Chi ascolta voi, ascol­ta me”, e disse di sì con la gioia di chi sa che fare la volontà di Dio è la più bella avventura che pos­sa capitare ad un uomo su questa terra.

Certo che il suo “sì” non era detto ad un uomo, ma a Dio che manifestava e manifesta la sua volontà tramite il suo superiore.

Gli amici e i conoscenti di P. Meto­dio, saputa la cosa, si diedero da fare per tratte­nerlo fra loro e per impedirgli di andare lontano. Del resto gli volevano bene e ne erano ricam­biati.

Vedendoli recalcitranti all’ordine del Supe­riore, padre Metodio li rassicurava:

“Un giorno – raccontò – la terra si svegliò tutta ammantata di piante, di fiori, di frutti, giardini, campagne. Riconoscendosi arricchita di tanti doni e ornata di tanti colori, fu invasa da un’ondata di riconoscen­za verso il sole, autore di tanto splendore e gli disse: Avvicinati, che ti do un bacio per esprimerti il mio grazie.

Il sole rispose: Ti voglio bene ed è per questo che devo stare alla distanza voluta e fissa­ta dal Creatore. Se ti vengo vicino ti farei del ma­le; ti brucerei”.

La comunione vitale, fra le creatu­re, sta nel fare ciascuna la volontà di Dio, nel vivere la vocazione che Dio le ha dato.

Per questo il Religioso concluse dicendo agli amici: “Proprio perché vi voglio bene, lasciatemi andare in quella città lontana, ma così… vicina”.

– Padre Andrea Panont –

La più grande manifestazione di fortezza è quella di saper accettare e obbedire, non quella di comandare e imporsi agli altri.

– Luciano Canonici –

Dio non entrerà nella tua vita, perché egli è nella tua vita, e fare come se non vi fosse, non gli impedisce certo di esservi. L’obbedienza è la fame di essere nelle mani di Dio.

– Madeleine Delbrel –

Buona giornata a tutti. 🙂

www.leggoerifletto.it

photoslacanadienne.blogspot.it

Annunci

Un pensiero su ““L’acqua , il cielo, le stelle e l’arcobaleno. Se hai smarrito ogni senso, esci all’aperto: il giudizio sarà più sereno.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...