CONCHIGLIA / Forse la felicità / Aprile e Corelli

Il canto delle sirene:

Una conchiglia rosa

Herbert

ZBIGNIEW HERBERT

                 CONCHIGLIA

Davanti allo specchio
nella camera da letto dei miei genitori
c’era una conchiglia rosa.
Mi avvicinavo in punta di piedi
e con un movimento improvviso
la portavo all’orecchio.
Volevo coglierla in quel momento,
quando non si sente la nostalgia
con il suo monotono sussurro.
Sebbene fossi piccolo, sapevo che,
anche quando si ama molto qualcuno,
talvolta sopraggiunge l’oblio.
 
(da Hermes, pies i gwiazda, 1957)
.
Un ricordo d’infanzia – la conchiglia portata velocemente all’orecchio per sorprenderne il vuoto anziché il caratteristico suono che ricorda il mare – serve al poeta polacco Zbigniew Herbert (1924-1998) per un’amara riflessione: la chiusa di questa poesia è un vero e proprio aforisma sul destino umano, sull’amore e sull’oblio.
.
Conchiglia
DIPINTO DI MAUREEN HYDE
.
————————————————————-
LA FRASE DEL GIORNO

Occorre dimenticare per rimanere presenti, dimenticare per non morire, dimenticare per restare fedeli.

MILAN KUNDERA, La lentezza
                                            
  @#@#@#@
 
 
               lunarioaforismi.blogspot.it

Forse la felicità

Il tempo che trascorro con lei è bello, talmente tranquillo da sfiorare la malinconia. Forse la felicità è semplicemente questo.
BANANA YOSHIMOTO
Chie-chan e io
Hopper
 ————————————————————-
Annunci

Un pensiero su “CONCHIGLIA / Forse la felicità / Aprile e Corelli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...