“Dice la leggenda che, quando ti allontani da ciò che ti fa male, migliora la qualità della tua vita.”

Intervista alla Speranza – «Non riesco mai a trovare le parole adatte, oppure non mi intendono. Dico felicità, per esempio, ed essi capiscono denaro e potenza; dico pace e credono che io alluda semplicemente al contrario della guerra; dico giustizia e ritengono che io preannunci la morte dei loro nemici; che debbo fare?»

By leggoerifletto

Intervista alla Speranza – Giuseppe Marotta

Riconobbi subito la Speranza, era lei. 
Silenziosa e assorta, sedeva al capezzale di un giovane suicida. 
Costui non aveva ancora vent’anni: s’era sdraiato sul lettino, compitissimo però, e come uno che si faccia una fotografia con l’autoscatto aveva contato fino a dieci, o scandito nello stesso modo alcuni insopportabili pensieri; al dieci, o all’inevitabile 
«È inutile, non c’è via d’uscita», aveva premuto il grilletto e addio.

La Speranza sembrava vegliarlo … … 
Le dissi, indicandole il povero giovinetto: 
«Eccone uno che non vi appartiene più. Forse avreste potuto aiutarlo ma siete arrivata tardi?».

La Speranza disse: «Al contrario. Non l’ho mai abbandonato. Ero con lui quando ha irreparabilmente agito; anzi, vedete, sono ancora qui». … 
«E perché, poi, siete ancora qui?». «Nulla può essere rimosso fino all’arrivo del medico legale». «Ah.» «Mi fate compagnia? Parliamo?». 
«Perché no, è il mio mestiere. Se rispondete a qualche domanda ci spicciamo prima. Data e luogo della vostra nascita?». 
«Ecco. Scacciati dall’Eden, l’uomo e la donna si allontanarono senza voltarsi indietro. Ma Dio s’era già pentito della dura condanna che aveva loro inflitta; raggiungili, mi disse, e con un buon pretesto (qui strizzò l’occhio, intendeva evidentemente: trova una scusa che salvi il mio prestigio) riconducili a casa quei due stupidi. Obbedii, ma non ho ancora concluso niente.» 

«Non riesco mai a trovare le parole adatte, oppure non mi intendono. 
Dico felicità, per esempio, ed essi capiscono denaro e potenza; dico pace e credono che io alluda semplicemente al contrario della guerra; dico giustizia e ritengono che io preannunci la morte dei loro nemici; che debbo fare?».

– Giuseppe Marotta – 

Da: Pietre e nuvole, Bompiani


Si è fatto giorno? Quando si può dire che la notte è finita?

Un giorno un rabbino domandò ai suoi studenti:
«Come si fa a dire che la notte è finita e il giorno sta ritornando?».
Uno studente suggerì:
«Quando si può vedere chiaramente a una certa distanza che l’animale è un leone e non un leopardo».
«No» disse il rabbino.
Un altro disse:
«Quando si può dire che un albero produce fichi e non pesche».
«No» disse il rabbino.
«E’ quando si può guardare il volto di un altro e vedere che quella donna, quell’ uomo, è tua sorella, e tuo fratello.
Perché fino a quando non siete in grado di fare questo, non importa che ora del giorno sia, è ancora notte»

.

“La memoria del cuore elimina i ricordi brutti ed esalta quelli belli, e grazie a questo artificio riusciamo a sopportare il passato…”
– Gabriel García Márquez –

Buona speranza a tutti.:-)

www.leggoerifletto.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...