DIO LOTTA AL POSTO TUO, TU DEVI SOLO CREDERE!

By leggoerifletto

Un Cristo senza croce, una croce senza Cristo – Centro Missionario Diocesano, Verona

Amico, io vado in cerca di una croce.

Vedi, ho un Cristo senza croce,

l’ho acquistato presso un antiquario.

Mutilato e bellissimo. Ma non ha croce.

Per questo mi si è affacciata un’idea.

Forse tu hai una croce senza Cristo.

Quella che tu solo conosci.

Tutti e due siete incompleti.

Il mio Cristo non riposa perché gli manca una croce.

Tu non sopporti la croce, perché le manca Cristo.

Un Cristo senza croce, una croce senza Cristo.

Ecco la soluzione: perché non li uniamo e li completiamo?

Perché non dai la tua croce vuota a Cristo?

Ci guadagneremo tutt’e due. Vedrai.

Tu hai una croce solitaria vuota, gelata, paurosa, senza senso: una croce senza Cristo.

Ti capisco: soffrire è illogico.

Non comprendo come hai potuto sopportare così a lungo.

Una croce priva di Cristo è una tortura,

il principio logico della disperazione.

Hai il rimedio tra le mani. Non soffrire più solo.

Su, dammi questa croce vuota e solitaria. Dammela.

Ti darò in cambio questo Cristo mutilato,

senza riposo, né croce.

La tua croce non è più solamente tua;

è anche e nello stesso tempo la croce di Cristo.

Su, prendi la tua croce, amico; la tua croce con Cristo.

Non sarai più solo a soffrire.

La porterete in due, il che vuol dire dividerne il peso.

E finirai per abbracciare e amare la tua croce,

una volta che Cristo sarà in essa.

– Centro Missionario Diocesiano, Verona –

Preghiera a Tommaso – Paolo Curtaz

Senti, Tommaso, io ti voglio un sacco di bene e ti ringrazio per la tua fede cristallina.

Non credo sia un caso il fatto che il nostro comune amico Giovanni ti abbia soprannominato “didimo”, cioè gemello: davvero mi assomigli. Voglio affidarti, caro mio gemello, tutti quelli che –come te- non si sono ancora arresi al Signore.

Tommaso, patrono degli sconfitti, prega per noi.

Quando ci scandalizziamo dell’incoerenza della Chiesa, quando ci sembrano troppo grosse le sue fragilità, quando non ci sembra possibile che tanta gloria sia affidata a tanta povertà, prega per noi.

Facci capire che uno dei modi per riconoscere la presenza del risorto, misterioso ospite delle nostre vite, ora, è anche la sofferenza.

Facci comprendere che anche una vita sconfitta può incontrare la gloria del risorto, che il grande popolo dei perdenti ha un patrono e un Signore.

Tommaso, nostro gemello, aiutaci ad osare anche quando sembra inutile, a fissare lo sguardo altrove quando la pesantezza della vita e del peccato ci schiantano a terra, a lavorare per la costruzione del Regno sapendo che il mondo è già salvo, ma non lo sa.

– Paolo Curtaz –

                  “Incredulità di San Tommaso” Michelangelo Merisi da Caravaggio

È conservato alla Bildergalerie nel parco di Sanssouci a Potsdam.

Discernimento nella gioia

Una delle regole fondamentali per il discernimento degli spiriti potrebbe essere dunque la seguente: dove manca la gioia, dove l’umorismo muore, qui non c’è nemmeno lo Spirito Santo, lo Spirito di Gesù Cristo.

E viceversa: la gioia è un segno della grazia. Chi è profondamente sereno, chi ha sofferto senza per questo perdere la gioia, costui non è lontano dal Dio del vangelo, dallo Spirito di Dio, che è lo Spirito della gioia eterna.

– papa Benedetto XVI –

da: “Il Dio di Gesù Cristo”

Sorgi,risplendi,poichè la tua luce é giunta, e la gloria del Signore é spuntata sopra di te! (Isaia 60,1)

Buona giornata a tutti 🙂

www.leggoerifletto.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...