Haiku / È tornata la primavera…

equinozio-di-primavera

L’equinozio di primavera è oggi, 20 marzo 2016  

*  L’equinozio di primavera – che non è sempre il 21 marzo – è stato questa mattina alle cinque e mezzo: quindi sì, è già primavera

L’equinozio di primavera – il momento in cui in base all’astronomia inizia la primavera – è stato questa mattina alle cinque e mezzo. E quindi sì: oggi – domenica 20 marzo 2016 – è già primavera, e non domani, come siamo abituati a pensare. Solitamente infatti l’equinozio di primavera arriva il 21 marzo, che è anche il giorno dedicato a San benedetto da Norcia: ma è una cosa che dipende dalla rivoluzione della Terra, e non cade ogni anno nella stessa data. Nonostante per comodità si indichi l’inizio di ogni stagione in un 21 del mese, ogni tre mesi, le le stagioni non sono determinate per convenzione: iniziano in momenti esatti, che corrispondono appunto ai due equinozi e ai due solstizi, istanti precisi che la costruzione dei nostri calendari “muove” nell’arco di alcune decine di ore ogni anno. Bisogna però farci l’abitudine, al fatto che l’equinozio di primavera non sia il 21marzo: succederà per tutto questo secolo (l’equinozio sarà il 20 marzo, con qualche eccezione in cui sarà il 19). La primavera astronomica tornerà a cominciare il 21 marzo solo nel 2102. Intanto, l’equinozio di primavera continuerà a essere il 20 marzo fino al 2020.

By IlPos.it

Primavera: otto haiku di Issa

 È tornata la primavera: astronomicamente   * vedi l’equinozio…
meteorologicamente invece già da un po’, e ce ne siamo accorti dalle fioriture, dal tepore dell’aria. Un fenomeno che ha sempre ammaliato i poeti, e particolarmente gli attenti autori di haiku giapponesi, stregati dal sakura, il fiorire dei ciliegi. Ho scelto qualche haiku di Kobayashi Issa (1763-1828), uno dei quattro maestri riconosciuti – gli altri tre sono Matsua Basho, Yosha Buson e Masaoka Shiki: la caratteristica dei versi di Issa è un’ironia di fondo, spesso mutata in satira, ma sostenuta da una semplicità pacata, da un amore universale per gli altri esseri che deriva da un’empatia tipicamente buddhista.

*

Mi recherà qui un pesce
il fluire del ruscello?
Brume di primavera

*

Pioggerella primaverile –
lecca, un topolino,
il fiume Sumida

*

Più numerose le primavere
più i lunghi giorni
recano lacrime e lamenti –

*

Ad ogni cancello
la primavera comincia
dal fango sui sandali

.

*

In questo mondo
contempliamo i fiori;
sotto, l’inferno

*

Ciliegi in fiore sul far della sera
anche quest’oggi
è diventato ieri

*

La mia primavera:
suprema felicità
coi fiori di pruno

*

All’ombra dei fiori
nessuno
è straniero
.
FOTOGRAFIA © DANIELE RIVA
LA FRASE DEL GIORNOPer quanto ognuno veda l’autunno come una stagione già vissuta, la primavera è sempre, per tutti, una rinascita.THEODORE FRANCIS POWYSBy cantosirene.blogspot.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...