Meravigliati ogni giorno della tua capacità di cambiare.

f7cc1-maschereBy leggoerifletto

È sempre colpa degli altri! – Anthony De Mello

Una delle cose essenziali della vita umana, e a cui purtroppo molti cercano di sottrarsi, è la responsabilità personale. 
Ogni volta che diciamo: «Non è stata colpa mia»; «È stato lui che … »; «Sono stato costretto a … »; «Non ho potuto far altrimenti…», cerchiamo scuse per giustificare la nostra condotta irresponsabile. 
Se ho capito chi sono, se ho la piena consapevolezza dei miei diritti e dei miei doveri, se non dò all’opinione o al giudizio altrui un valore superiore alla “mia” opinione e al “mio”giudizio, ecco che non mi troverò più a dover dare la colpa agli altri. 
Se ho fiducia nella mia capacità di discernimento, ecco che sarò pienamente convinto di ogni mia azione. 
Se giudico l’operato o il pensiero altrui un errore, cioè contrario ai miei principi, ecco che non mi farò coinvolgere, ma avrò la forza morale di rifiutare ciò che altri vorrebbero impormi ..

Essere responsabili è la chiave per una vita consapevole e appagante.
Come il bambino, dopo aver lavorato a lungo con i suoi cubetti, ammira alla fine la sua opera dicendo orgogliosamente: «L’ho fatto tutto da solo», così anche noi dobbiamo sforzarci di operare su noi stessi, sulla nostra coscienza, sulla nostra psiche, per convincerci che la nostra vita è nelle nostre mani. Rendiamoci finalmente conto che la scelta è solo nostra. 
Se voglio smettere di fumare, è inutile che io dica: «Però mi calma i nervi», oppure: «Nel mio ambiente tutti fumano. Mi è impossibile smettere». In questo modo cerco di togliermi di dosso la responsabilità di scelta, scaricandola su altri fattori.

«Volere è potere», dice il vecchio adagio. Ed è verissimo. Finché mi limito a dire: «Tenterò, farò del mio meglio, vedrò se ci riesco … », non otterrò mai niente di positivo. «Tenterò» equivale a «non voglio», o «non mi sento all’altezza», oppure «non ho il coraggio di scelta definitiva».

Troviamolo, questo coraggio, e vedremo come la nostra esistenza assumerà una colorazione diversa.

Via il grigio del “ma”, del “però”.

Se metto il bicchiere sull’orlo del tavolo, è facile che cada a terra. Dopo sarà inutile prendersela col tavolo o col bicchiere, o magari con la corrente d’aria o la vibrazione di un treno di passaggio che ne hanno causato la caduta fisica.

La responsabilità è solo mia, in quanto stava a me prevedere quanto sarebbe potuto accadere e quindi poggiate il latte in mezzo al tavolo e non sull’orlo, o in frigorifero, o berlo direttamente.

Tutto quanto “ci circonda” può servire a rendere la nostra vita più comoda, più utile o più piacevole. Dobbiamo però fare attenzione a usare con criterio quanto è a nostra disposizione.

L’automobile può farci viaggiare velocemente accorciando le distanze, può condurci in cima a una vetta evitandoci  la fatica della scalata. Può essere però anche strumento di rovina e morte se non sappiamo usarla con prudenza o se, peggio ancora, volontariamente la rendiamo artefice della nostra distruzione. Possiamo fare lo stesso con la ricchezza, con l’amore, con la bellezza, col potere.

Tutte cose splendide, se sappiamo usarle nel modo opportuno, per il fine vero per il quale ci sono state date.



(padre Anthony De Mello)

 
Volete cambiare il mondo? Che ne dite di cominciare da voi stessi? 

Che ne dite di venire trasformati per primi? Ma come si ottiene il cambiamento? Attraverso l’osservazione. Attraverso la comprensione. Senza interferenze o giudizi da parte vostra. Perché quel che si giudica non si può comprendere. 

– Padre Anthony de Mello –

da: “Messaggio per un’aquila che si crede un pollo”

La  Gratitudine e la Carità

Una volta Dio diede una festa in onore di tutte le virtù, grandi e piccole, umili ed eroiche. Si riunirono tutte in Paradiso in una grande sala splendidamente decorata e cominciarono subito a divertirsi perché si conoscevano bene; alcune erano anche imparentate fra loro. All’improvviso Dio notò due belle virtù che a quanto pare non si conoscevano affatto e si trovavano piuttosto a disagio insieme. Allora ne prese una per mano e la presentò ufficialmente all’altra. «Gratitudine», disse, «questa è Carità». Ma Dio non aveva ancora fatto in tempo a voltarsi dall’altra parte che esse si erano già separate. Così da allora corre voce che neppure Dio riesca a mettere insieme la gratitudine con la carità.

– Padre Anthony de Mello –

Tratto da “La preghiera della rana. Saggezza popolare dell’oriente” Ed. Paoline 1988

Un rabbino chiese al suo allievo che cosa lo angustiasse. “La mia povertà”, rispose. “Vivo in un tale stato di indigenza che quasi non riesco a studiare e pregare”. 

“In questo preciso momento”, spiegò il rabbino, “il modo migliore per pregare e studiare è quello di accettare la vita esattamente come si presenta”.

– Padre Anthony de Mello –

Tratto da “La preghiera della rana. Saggezza popolare dell’oriente” Ed. Paoline 1988

Buona giornata a a tutti. 🙂

www.leggoerifletto.it

reblogged…

IO CHE NE SO

f7cc1-maschere

>>> iocchenneso.blogspot.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...