Vi diranno che non siete abbastanza, non fatevi ingannare siete molto meglio di quella che vi vogliono far credere.

Amore

Originally posted on leggoerifletto

Amore – Piero Gribaudi

C’era una volta un uomo di nome George Thomas, era pastore protestante e viveva in un piccolo paese. Una mattina della Domenica di Pasqua stava recandosi in Chiesa, portando con sé una gabbia arrugginita. La sistemò vicino al pulpito. La gente era alquanto scioccata. Come risposta alla motivazione, il pastore cominciò a parlare…
Ieri stavo passeggiando, quando vidi un ragazzo con questa gabbia. Nella gabbia c’erano tre uccellini, tremavano dal freddo e per lo spavento. Fermai il ragazzo e gli chiesi:
“Cos’hai lì, figliolo?” “Tre vecchi uccelli” fu la risposta.
“Cosa farai di loro?” Chiese
“Li porterò a casa e mi divertirò con loro”, rispose il ragazzo.
“Li stuzzicherò e strapperò le piume così litigheranno. Mi divertirò tantissimo”.
“Ma presto o tardi ti stancherai di loro. Allora cosa farai?”
“Oh, ho dei gatti,” disse il ragazzo.” A loro piacciono gli uccelli, li darò a loro”.
Il pastore rimase in silenzio per un momento.” Quanto vuoi per questi uccelli, figliolo?”
“Cosa!? Perché, mica li vuoi, Signore, sono uccelli di campo, niente di speciale. Non cantano. Non sono nemmeno belli!”
“Quanto?” Chiese di nuovo il pastore.
Pensando fosse pazzo il ragazzo disse: “10$”.
Il pastore prese 10$ dalla sua tasca e li mise in mano al ragazzo.
Come un fulmine il ragazzo sparì. Il pastore prese la gabbia e con delicatezza andò in un campo dove c’erano alberi e erba. Aprì la gabbia e con gentilezza lasciò liberi gli uccellini. Cosi si spiega il motivo per la gabbia vuota accanto al pulpito. Poi iniziò a raccontare questa storia.

Un giorno Satana e Gesù stavano conversando. Satana era appena ritornato dal Giardino di Eden, era borioso e si gonfiava di superbia.
“Sì, Signore, ho appena catturato l’intera umanità. Ho usato una trappola che sapevo non avrebbe trovato resistenza, ho usato un’esca che sapevo ottima. Li ho presi tutti!”
“Cosa farai con loro?” Chiese Gesù.
Satana rispose: “Oh, mi divertirò con loro! Gli insegnerò come odiare e farsi male a vicenda, come bere e fumare e bestemmiare. Gli insegnerò a fabbricare armi da guerra, fucili e bombe e ammazzarsi fra di loro. Mi divertirò un mondo!”
“E poi, quanto hai finito di giocare con loro, cosa ne farai?” , chiese Gesù.
“Oh, li ucciderò!” Esclamò Satana con superbia.
“Quanto vuoi per loro?” Chiese Gesù.
“Ma va, non la vuoi questa gente. Non sono per niente buoni, sono cattivi. Li prenderai e ti odieranno. Ti sputeranno addosso, ti bestemmieranno e
ti uccideranno. No, non puoi volerli!”
“Quanto?” Chiese di nuovo Gesù.
Satana guardò Gesù e sogghignando disse: “Tutto il tuo sangue, tutte le tue lacrime e la tua vita.”
Gesù disse: “affare fatto!”
E poi pagò il prezzo. Il pastore prese la gabbia e lasciò il pulpito.

– Piero Gribaudi – 

dal libro “Il libro della saggezza interiore. 99 storie intorno all’uomo” di Piero Gribaudi

La sete 

Un giovane si presentò a un sacerdote e gli disse: “Cerco Dio”.
Il reverendo gli propinò un sermone. Concluso il sermone, il giovane se ne andò triste in cerca del vescovo. “Cerco Dio”.
Monsignore gli lesse una sua lettera pastorale. Terminata la lettura, il giovane, sempre più triste, si recò dal papa. “Cerco Dio”.
Sua santità cominciò a riassumergli la sua ultima enciclica, ma il giovane scoppiò in singhiozzi.
“Perché piangi?”, gli chiese il papa del tutto sconcertato. 

“Cerco Dio e mi offrono parole.”
Quella notte il sacerdote, il vescovo e il papa fecero un medesimo sogno. Sognarono che morivano di sete e che qualcuno cercava di dar loro sollievo con un lungo discorso sull’acqua.

da: “Agenda Missionaria”

Senza comunione non può esserci testimonianza: la grande testimonianza è proprio la vita di comunione. Lo disse chiaramente Gesù: “Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri” (Gv 13,35). 
Questa comunione è la vita stessa di Dio che si comunica nello Spirito Santo, mediante Gesù Cristo. 
E’ dunque un dono, non qualcosa che dobbiamo anzitutto costruire noi con le nostre forze. 
Ed è proprio per questo che interpella la nostra libertà e attende la nostra risposta: la comunione ci chiede sempre conversione, come dono che va sempre meglio accolto e realizzato.

– Papa Benedetto XVI – 

Omelia, 10 ottobre 2010

Buona giornata a tutti. 🙂

www.leggoerifletto.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...