Finché tu esisti…

L’Amore richiede sacrificio, ma ne vale la pena sempre

Amami- Antonio Salinas – Canti comunità di Romena

Finché tu esisti – Ángel González

“Finché tu esisti,

finché il mio sguardo
ti cerca al di là delle colline,
finché niente
mi riempie il cuore,
se non è la tua immagine, e c’è
una remota possibilità che tu sia viva
da qualche parte, illuminata
da una luce – qualunque…
Finché
io ho il senso che sei e che ti chiami
così, con quel nome tuo
così piccolo,
continuerò come adesso, amata
mia,
affranto di distanza,
sotto l’amor che cresce e che non muore,
questo amor che continua e non finisce.”

– Ángel González – 

Da: “Poesia spagnola del secondo novecento”

Così,
rimango in te,
passeggio a lungo per le tue braccia e le tue gambe,
salgo fino alla tua bocca, mi affaccio
all’orlo dei tuoi occhi,
ti giro intorno al collo,
ti scendo lungo la schiena,
cambio rotta per percorrere i tuoi fianchi,
ricomincio da capo,
riposo sul tuo costato,
guardo le nuvole che ti passano sulle labbra rosse,
saluto gli uccelli che ti attraversano la fronte,
e se chiudi gli occhi anch’io li chiudo
e dormo alla tua ombra come se fosse estate
per sempre,
amore,
pensando vagamente
al mondo inquietante
che si stende – impossibile – dietro il tuo sorriso.

– Ángel González – 
Fonte: da  “Parola su parola”



Sono uno degli uomini più sani che conosca.

Ho sofferto spesso di infarto del miocardio,

di differenti infezioni, bombardamenti,
tisi, dipsomania, insonnia, depressione…

Continuo a soffrire molto di tosse.
E malgrado tutto
sono riuscito a sopravvivere, fino ad oggi,
settimane dopo settimane, ormai remote, 

lunghi anni bisestili, 

lustri tediosi, 

decadi interminabili… 

Ho festeggiato le mie nozze d’oro con la vita 

e, ciò nonostante, l’amo ancora qualche notte. 

Non è straordinario? 

Sembra che la storia delle nostre relazioni 

non sia destinata a finire. 

– Qual è il segreto del tuo amore per la vita? –

mi domanderanno i discendenti dei figli dei miei figli 

il giorno in cui compirò molti, molti più anni. 

Ed io risponderò: 

– Per come la vedo io, si deve al fatto 

che la vita è stata piuttosto incostante; 

mi ha ingannato spesso, 

è stata sul punto di abbandonarmi diverse volte, 

(una di queste a causa di un falangista), 

non esaudisce i miei desideri, 

ogni lunedì e ogni martedì 

mi defrauda del sabato 

(del suo disordine meglio non parlarne). 

Se si fosse comportata diversamente, 

chissà  che razza di passato mi attenderebbe adesso. 

Non voglio neanche pensarci. 

Mi avrebbero già ucciso i rimorsi, 

senza poter incolpare nessuno.

– Ángel González – 

da: “Prosemi o meno”


Bisogna essere molto coraggiosi per vivere con paura.

Contrariamente a quanto si crede,

la paura non riguarda sempre i codardi.

Per vivere morto di paura,

bisogna avere, in effetti, molto coraggio.

– Ángel Gonzàlez –

Buona giornata a tutti. 🙂  www.leggoerifletto.it

http://leggoerifletto.blogspot.it/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...