“Si chiama speranza questa cosa che è l’unica cosa che i nostri figli ci chiedono.”… – Franco Nembrini

“Si chiama speranza questa cosa che è l’unica cosa
che i nostri figli ci chiedono.”

“Tutto il segreto, tutta la meraviglia, tutta la
bellezza dell’educazione sta in questo: che un figlio possa guardare suo padre
e sua madre e sentire che c’è una promessa di bene nella vita di cui il padre e
la madre sono testimonianza. 

Una promessa che lo incoraggia, che lo tiene su,
che lo fa camminare speditamente, che lo tira fuori dalle sabbie mobili di
un’incertezza che invece è la malattia del secolo:
l’incertezza, l’insicurezza, una paura della realtà. 

E perciò, inevitabilmente,
una cattiveria. 

Quante volte ce lo siamo ricordati: non si può rimanere a lungo
tristi senza diventare cattivi, senza cedere a quell’istintività che spinge a
diventare cattivi. 

Che cosa dunque aiuta l’uomo a governare la propria
istintività? L’educazione!

Anni e anni di educazione paziente, cioè di un
paziente lavoro per cui uno arriva a diciott’anni e ha visto tanto bene che gli
è più facile praticare la virtù, come diceva il buon Dante:

«Quella cara gioia sopra la quale ogni virtù si
fonda».
La virtù, essere virtuosi, essere buoni è
possibile se si è molto felici; solo se si è molto felici si può provare a
essere buoni. 

È un lavoro lungo e paziente: il problema non è insistere con
l’altro perché sia buono, l’altro è quel che è, esattamente come 
noi; bisogna insistere nel farlo felice, bisogna
insistere non nel chiedergli questo e quello, non nelle regole che pure sono
necessarie, ma nella testimonianza di un bene grande. 

Perché un cuore felice
governa di più la propria istintività, governa di 
più la propria capacità di male; conosce di più,
governa di più la propria libertà.


Bisogna accompagnarsi in questa testimonianza di
bene.

«Figlio mio, fai quello che ti dico perché io e la
mamma e i nostri amici facciamo queste cose per essere felici come appunto
siamo oggi». 

Questa è la questione: poter guardare negli occhi i propri figli e
– senza bisogno di discorsi, senza bisogno di dirlo – far vedere un bene grande, un bene
possibile, una positività vissuta. 

Si chiama speranza questa cosa che è l’unica
cosa che i nostri figli ci chiedono.”

– Franco Nembrini –

da: ” Di padre in figlio.
Conversazioni sul rischi di educare”



«Non
ho bisogno di insegnare qualcosa ai bambini: sono loro che, stando in un
ambiente favorevole, mi insegnano.»

– Maria
Montessori – 


«Le nostre scuole dimostrano che i bambini di età
diverse si aiutano a vicenda. Ci sono molte cose che nessun maestro può
trasmettere ad un bambino di tre anni, ma un bambino di cinque anni può farlo
con facilità.»

– Maria Montessori –



“Ci
sono giornate,che i pensieri ti fanno cosi male,

che l’unica cosa che vorresti è un abbraccio.

Perché l’abbraccio è come l’acqua, ti disseta…”

Buona giornata a tutti. 🙂

             DA leggoerifletto: “Si chiama speranza” – Franco Nembrini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...